Friday, July 12, 2013

TORTA ZEBRATA

Tanti sono gli articoli - soprattutto nel periodo estivo - che parlano di fitness, alimentazione e percezioni distorte del proprio fisico. Questa overdose di articoli che citano ricerche puntualmente straniere, sulla scoperta dell'ultimo farmaco anti "fame nervosa" sono - dal mio punto di vista - altamente forvianti. Ci sono milioni di motivi - tra l'altro soggettivi - che potrebbero condurre ad uno squilibrio alimentare. La chiamano "fat talking" (e su questo sono d'accordo) ovvero, parlare ossessivamente di cibo e di corpo: "Guarda come mi sono ingrassata" - risposta - "Ma che dici stai benissimo, io che dovrei fare!". Scambi di battute tra adolescenti ormai da "copione" che evidenziano una grande mancanza di autostima; al posto di farsi compatire dagli altri bisognerebbe trovare la forza in se stessi per reagire se viene evidenziato un effettivo problema di peso. Introdurre nelle scuole lezioni sulla nutrizione, con il supporto di un trainer per l'autostima questo sarebbe un ottimo inizio. Inserisco in questo discorso anche noi blogger, che dovremmo fare molta attenzione e spiegare bene che dietro alla torta super golosa, ci sono sempre molte calorie di cui non bisogna abusare!

CE L'HO, CE L'HO, MI MANCA ...!

300g farina 00
140g fecola
200g burro
120ml latte
6 uova medie
220g zucchero
30g cacao amaro
1 bustina lievito
Sambuca (facoltativa)






A META' DEL LAVORO ...
Unite il burro morbido allo zucchero ed amalgamate fino ad ottenere una crema liscia. Aggiungete una alla volta le uova al composto - consiglio di non usare le fruste elettriche perché il burro potrebbe "impazzire" e aggrumarsi. Setacciate gli ingredienti secchi: la farina, il lievito e solo 100g di fecola, uniteli poi all'impasto. Diluite il tutto con il latte. Ora dividete l'impasto in due parti uguali; in uno aggiungete la restante fecola - 40g - e nell'altro 30g di cacao amaro. Il trucco delle "strisce" sta nell'ottenere composti ugualmente densi: a questo punto infatti si tende sempre a diluire quello al cacao che risulta più compatto. Usate quindi due cucchiai di latte o, a chi piace, due cucchiai di sambuca. Imburrate uno stampo rotondo - io ho usato quello per il pan di spagna - ed infarinatelo. Iniziate a versare due cucchiai di impasto bianco perfettamente al centro dello stampo, seguite con due cucchiai di impasto nero direttamente sopra a quello bianco precedentemente versato. Proseguite alternando gli impasti fino ad esaurirli. Infornate a 180° per 50 minuti.

CI SI DIVERTE MANGIANDO ...
Suggerimenti: la ricetta prevede la fecola di patate, potete in alternativa usare anche la maizena (conosciuta anche come amido di mais). Sono entrambi degli addensanti ed il risultato sarà lo stesso. Quando versate gli impasti alternandoli cercate di essere più precisi possibili partendo sempre dal centro, senza smuovete lo stampo ed avendo l'accortezza di usare cucchiai diversi per non mischiare i colori. Ho notato che questa torta tende un pò a seccarsi: suggerisco di mettere in forno - insieme alla torta da cuocere - un pentolino di ceramica con un pò di acqua ed un foglio di carta forno immerso (questo eviterà di farla bollire), così l'umidità che si verrà a creare manterrà la torta umida. Evitate di aprire e chiudere il forno troppo spesso.

15 comments:

  1. Buonaaaa la torta zebrata...ottima scelta ! :-)

    ReplyDelete
  2. Che bell'effetto che sei riuscita a dare alla torta, io di solito faccio un pasticcio quando faccio una torta variegata :)

    Ok, se ha tante calorie, allora prendo una fettina sola :)

    Marco di Una cucina per Chiama

    ReplyDelete
  3. Fantastica torta e condivido in pieno quello che hai scritto!!!;)
    Un bacio e buon weekend!:**

    ReplyDelete
  4. bella bella bella questa torta zebrata, e chissenefrega delle calorie! ;) buona giornata!

    ReplyDelete
  5. Assolutamente d'accordo sul messaggio da dare, anche perchè sembra che le foodblogger abbiano sempre davanti una miriadi di dolci o di stuzzichini e non è affatto così, il dolce che si prepara è spesso uno a settimana e lo stuzzichino magari è preparato in occasione di un invito o altro. E' ovvio che sul blog non si pubblichi la ricetta della fettina di carne alla piastra con contorno di insalata di pomodoro ma è anche abbastanza ovvio che la stessa sia spesso presente sulle nostre tavole! Il messaggio "strafogarsi è bello" è quantomai errato e non soltanto per una questione estetica ma anche e soprattutto di salute. UN abbraccio chiara e complimenti per questa torta: l'effetto zebrato è molto bello da vedere e anche da gustare! buona giornata,serena

    ReplyDelete
  6. Condivido perfettamente quello che hai detto! Una torta zebrata veramente perfetta :)

    ReplyDelete
  7. Replies
    1. Apprezzerei un tuo commento anche se mi dicessi: "Assolutamente IMPERFETTA" ^_^ Ciao Giuliana!!

      Delete
  8. Ciao Chiara,
    Concordo su questa smania di parlare del grasso in eccesso. Ed ho imparato da poco che esiste una nuova ossessione: l'ortoressia, ovverro non piu l'attenzione solo al número di calorie ingerite, ma anche al fatto di mangiare solo cibi considerati sani ( e da qui si vedano le varie mode di guerra ora al lievito, o ai latticini, o ai carboidrati, o ai cibi acidi)...
    io cerco di mangiare un po' di tutto, magari limitando le quantità, ma senza troppi sensi di colpa

    ReplyDelete
    Replies
    1. Allora, io ammetto di essere una che sta molto attenta, ma che si lascia anche molto trascinare dalla gola per i dolci ed anche dalla serenità di mangiare in compagnia: non sopporto le persone che si trovano a tavola - soprattutto quando si è ospiti a casa di qualcuno - che non toccano nulla, o scartano le cose nel piatto, o chiedono gli ingredienti - tranne ovviamente per chi è intollerante o allergico - prima di assaggiare un pezzettino di quello che ti viene offerto. Il mio diciamo che è il problema contrario: quando mi trovo a casa di qualcuno assaggio tutto!!!

      Delete
  9. L'ho vista tante volte questa torta ma una spiegazione così perfetta e ricca di suggerimenti merita un applauso! Questo mi fa capire che sei una persona generosa, che adora condividere le proprie esperienze con gli altri, senza riserve. E siccome "chi si somiglia si piglia" ... tornerò a trovarti presto, Chiara! ;-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Michela ma che bello quello che ha scritto grazie mille!! ^_^ Ecco, mi hai fatto venire in mente un'altra cosa: dato che questo impasto tende ad essere secco prova a mettere un pentolino - di quelli da forno - con un pò di acqua; così l'umidità la manterrà compatta ma umida. ps: controllare spesso che l'acqua non evapori tutta ^_^ Grazie ancora michela a presto allora ^_^

      Delete
  10. Concordo pienamente con te! Spesso la cattiva informazione è all'apice di una cattiva alimentazione! Non parliamo poi delle diete assurde che si trovano in circolazione in questo periodo O_o ma come si può!!!!
    Vabbè mi godo questa favolosa torta, perfettamente eseguita e presentata..con parsimonia però :-P
    la zia Consu

    ReplyDelete
  11. Bellissima questa torta zebrata!

    ReplyDelete